135Giorni 13Ore 25Minuti 47Secondi

La Centenaria: la vittoria di Andrea Zanatta e Alessandra Olivi nel Trail del Fronte

16 settembre 2018

Spettacolo attraverso i comuni di Pederobba, Valdobbiadene (TV) e Alano (BL) tra natura e storia

Oltre 800 i partecipanti, divisi tra trail di 38, cross country di 12 km e Avis Run di 7 km

Sport e storia, sport e ricordo, sport e solidarietà, sport ed eroismo. Questi gli ingredienti de La Centenaria che è andata in scena oggi, domenica 16 settembre, tra Pederobba, Valdobbiadene (TV) e Alano di Piave (BL). Oltre 800 i partecipanti divisi tra Trail del Fronte di 38 km, cross country di 12 km e Avis Run di 7 km che hanno calcato strade e sentieri tra il trevigiano e il bellunese. Si è corso sul filo della memoria, quello della Prima Guerra Mondiale, tra paesaggi mozzafiato e monumenti storici. A mettere il sigillo sulla prima edizione della manifestazione organizzata dalle amministrazioni locali di Pederobba, Valdobbiadene e Alano di Piave, con la regia tecnica di Maratona di Treviso, è stato il trevigiano Andrea Zanatta (Playlife Ponzano) che ha concluso la sua prova in 3h25’35’’. Al femminile, prima sul traguardo di Covolo, la veneziana Alessandra Olivi (Lib. Piombino Dese) in 4h23’43’’.

In avvio di mattinata, ad accogliere “traileristi”, podisti, camminatori e appassionati di nordic walking, la banda musicale di Pederobba (una delle più antiche del territorio, fondata il 10 ottobre 1874) che ha intonato “La leggenda del Piave” e l’ “Inno di Mameli”, cantato anche dagli atleti. Quartier generale l’area della 22esima Festa del Fagiolo Borlotto Nano di Levada di Covolo di Pederobba. Gli atleti hanno “toccato” luoghi simbolo della guerra come la Montagnola di Valdobbiadene con le sue trincee, l’ultimo comando austro-ungarico di Casa Naranzine sulla sommità del Monfenera, una mulattiera presente solo sulle carte militari e riportata alla luce proprio per la gara, un ricovero ospedaliero scavato nella roccia, il Sacrario Francese di Pederobba e altro ancora.

Dopo lo start, in testa alla corsa maschile si forma subito un duo, quello composto da Zanatta e Alberto Garbujo. I due fanno corsa in tandem, fino a quando Zanatta, alla prima salita impegnata, dopo il chilometro 20, si accorge che il compagno di “viaggio” inizia ad arrancare. In discesa Zanatta accelera, si avvantaggia e mantiene il distacco fino al traguardo che taglia dopo 3h25’35’’. Secondo posto per Alberto Garbujo in 3h30’08’’ e terzo per Francesco Guerra (Atletica Montebelluna) in 3h52’27’’. Emozionato all’arrivo, dove ad attenderlo c’erano le tre figlie e la moglie, il vincitore, 45enne che risiede a Paderno di Ponzano. “Questo trail ha offerto un percorso davvero bello, in particolare i tratti di single track tra le trincee – afferma il vincitore 45enne applaudito dalle tre figlie e dalla moglie – la prima parte è stata scorrevole, poi sono arrivare le salite e le discese. Io, nel limite del possibile, mi sono guardato in giro, è stata una grande emozione correre tra trincee e gallerie in memoria dei caduti”.
Al femminile, arrivo in solitaria per Alessandra Olivi, 27enne di Noale, atleta di ultratrail. “Spesso vengo da queste parte ad allenarmi e sono stata incuriosita da questa prima edizione, a dire la verità come chilometraggio un po’ corto per me, che faccio gare di 90-100 km e anche di più – ricorda Olivi – oggi la gara è stata veloce, in un percorso misto e molto bello e anche una discesa, l’ultima, molto tecnica. È stato inoltre emozionante passare tra le trincee e l’ospedale da campo”. Sul podio sono salite Fabia Gallina (Atletica San Rocco) in 4h25’11’’ e Lara Bailo in 4h29’30’’.

Tantissimi anche i partecipanti al cross country di 12 km e all’Avis Run di 7 km. I gruppi più numerosi nei 12 km (dove i più veloci di tutti sono stati Giacomo Esposito e Monica Cassol) sono stati A3 Triathlon e Vanti Tutta Cornuda.
“È stata un’esperienza unica, un anno di lavoro ripagato da immensa partecipazione della comunità, un grazie sincero agli oltre 100 volontari – commenta Fabio Maggio, consigliere con delega allo sport di Pederobba – siamo contenti che i percorsi siano piaciuti, segno che il nostro territorio merita di essere promosso con iniziative di questo tipo”. Presenti, anche in gara, diversi amministratori locali. “I percorsi, a detta di tutti, sono bellissimi – sostiene Aldo Zanetti, amministratore locale – è stata un’esperienza positiva, sicuramente da ripetere. Una nota di particolare gradimento è arrivata per la 12 km, molto gradita a tutti, compresa i residenti che non conoscevano alcuni particolari passaggi proprio del loro comune”.

Accanto allo staff organizzativo hanno dato il loro contributo Pro Loco di Pederobba, 14 Avis locali con l’associazione provinciale e i partner Zero-k, Cementirossi, Ama azienda agricola, San Benedetto, Kiron, Pasta Sgambaro, Leterre azienda agricola, Vigne Sinque Majo, 32 via dei birrai, Gaia Fitness Center, Alto Trevigiano Servizi e Officina Orvi.

CLASSIFICA TRAIL DEL FRONTE (38 km)
MASCHILE. 1. Andrea Zanatta (Playlife Ponzano) 3h25’35’’, 2. Alberto Garbujo 3h30’08’’, 3. Francesco Guerra (Atletica Montebelluna) 3h52’27’’, 4. Giorgio Mottes (Emme Running Team) 3h53’27’’, 5. Boris Da Ren (Atletica San Rocco) 4h01’33’’, 6. Fabio Menegazzo 4h11’41’’, 7. Denis Mondin (Emme Running Team) 4h14’06’’, 8. Alessandro Trevisan (Atletica Montebelluna) 4h14’06’’, 9. Omar Sandrin 4h19’36’’, 10. Enzo Marson (Runners Club Agggredire) 4h23’15’’.
FEMMINILE. 1. Alessandra Olivi (Atl. Dil. Lib. Piombino Dese) 4h23’43’’, 2. Fabia Gallina (Atletica San Rocco) 4h25’11’’, 3. Lara Bailo 4h29’30’’, 4. Samantha Dal Bello 4h40’41’’, 5. Laura Roccon 4h59’17’’, 6. Emanuela Benfatto 5h00’03’’, 7. Barbara Bergamin (Gp Montebelluna) 5h00’15’’, 8. Nadia De Lucchi 5h07’10’’. 9. Catia Caufin (Marciatori Castellani) 5h14’20’’, 10. Cristina Conti 5h30’43’’.


Treviso Marathon – Ufficio Stampa e Comunicazione
ufficiostampa@trevisomarathon.com – +39 349 5242641
Salima Barzanti