121Giorni 17Ore 06Minuti 09Secondi

Un passaggio in 65’50” alla mezza per vincere la Treviso Marathon 1.2: ecco i propositi di La Rosa

Sarà una Treviso Marathon azzurra quella di domani. A fare la gara Stefano La Rosa e Ruggero Pertile, il primo resterà coperto per la prima parte per poi procedere forse in solitaria, mentre il secondo condurrà per una ventina di chilometri il compagno azzurro nella sua “prima volta” sulla distanza. Ma per la vittoria occhio anche Simon Rugut, vincitore lo scorso anno della Treviso Marathon 1.2, Lahcen Mokraji, vincitore a dicembre 2014 della Maratona di Reggio Emilia. Al femminile, sarà sfida tra la vincitrice in carica, Laura Giordano e Claudia Gelsomino, campionessa italiana di maratona in carica.

Questa mattina, nella sala conferenze della Camera di Commercio, in piazza Borsa a Treviso, si è tenuta la presentazione dei top runner. Presente il sindaco di Treviso Giovanni Manildo che, insieme al presidente del comitato organizzatore della Treviso Marathon, Lodovico Giustiniani e i consiglieri Francesco Piccin e Roberto Girotto, hanno consegnato ufficialmente i pettorali agli atleti.

L’atleta più atteso è sicuramente Stefano La Rosa, l’azzurro portacolori del gruppo sportivo Carabinieri, bronzo europeo a squadre a dicembre in Bulgaria, a Samokov, agli Europei di Cross (a livello individuale ha ottenuto l’ottavo posto), ottavo agli Europei di Zurigo 2014 nei 10.000 in pista (dove vanta un personale di 28’13”62). “Non ho paura perché domani, comunque vada, farò il mio personale – ha detto il ventinovenne – a parte gli scherzi, ci siamo preparati con il mio allenatore per questa gara con impegno e precisione. Treviso capita nel momento giusto, da qui a maggio, infatti, avrò poi il tempo di preparare i 10.000 in pista, che disputerò in America, a Palo Alto. Ma pensiamo a domani. Con Ruggero (Pertile, ndr), atleta che stimo e che conosco da tempo, sono sicuramente più tranquillo”. Di certo la presenza del padovano dell’Assindustria Sport Padova consentirà al toscano di gestire le energie grazie a un ritmo di gara da subito regolare.

“Questa è la mia prima maratona ma sono tranquillo perché mi sono preparato – ha aggiunto l’atleta che ha un personale di 1h02’15” – non ho pressioni e questo renderà la mia corsa più facile. L’importante è passare la mezza con tranquillità e da lì in poi dare il meglio, per un buon tempo. Ovvio, un po’ di emozione la sento, ma voglio anche godermela questa maratona”. Il programma prevede un passaggio alla mezza di 65’50” che equivale a un’andatura di 3’07” al chilometro. A dare il ritmo Ruggero Pertile. “Ho fatto due periodi di allenamento in Kenia, dove ho provato carichi che da tempo non provavo – ha spiegato il quarantenne – sarà una prova e un allenamento di rifinitura per la maratona di Roma, ma ovviamente darò una mano a Stefano (La Rosa, ndr)”.

Il due volte campione italiano di maratona, due volte olimpico, tre volte al via dei mondiali, quarto agli europei di Barcellona nel 2010 e settimo a Zurigo lo scorso agosto, correrà, dunque, per sé ma anche per La Rosa. Convinti di far bene sia Simon Rugut (“Mi sento bene e sono pronto per correre domani”) che Lahcen Mokraji  (“Qui a Treviso non ho mai corso, spero di trovare domani le condizioni per fare il mio tempo migliore dell’anno, i miei allenamenti mi dicono che la condizione è buona”).  Tra gli iscritti anche Hamd Mohamednur, terzo a Treviso lo scorso anno, Daniele Caimmi, Daniel Kupkirui Ngeno e Hermann Achmuller. Il responsabile dei top runner, Migidio Bourifa, vincitore a Treviso e già campione italiano di maratona, punta a una gara regolare e spettacolare, grazie anche alle buone condizioni atmosferiche previste per domani.

Al femminile gli spettatori assisteranno probabilmente a una gara tecnicamente equilibrata. Laura Giordano (Atletica Silca Conegliano) vincitrice dell’edizione 2014 della Treviso Marathon (come pure nel 2009), punta a correre sotto le 2h40′. “Ho chiuso l’anno in bellezza vincendo a Reggio e iniziato bene vincendo alla Perugia-Assisi Half Marathon e alla Ventuno del Cima – ha detto la marchigiana – in queste ultime tre settimane ho finalizzato la preparazione. Ma in maratona non si inventa niente. Punto a correre sotto le 2h40′, non credo di poter fare invece il personale”. Claudia Gelsomino, seconda a Treviso nel 2013, ha deciso di tornare nella Marca trevigiana grazie alla perfetta organizzazione e al caloroso pubblico. “Ho un ricordo bellissimo della mia partecipazione alla Treviso Marathon – ha commentato la quarantacinquenne – il pubblico che ho trovato qui non l’ho mai trovato da nessun’altra parte. Io sto bene, parto per fare bene”. In gara ci saranno anche le croate Marija Vrajcic, Nikolina Sustic, la slovena Aleksandra Fortin e l’ultramaratoneta Monica Carlin.

Passerella anche per don Vincenzo Puccio, parroco di Santa Margherita a Messina, “all’esordio come Stefano (La Rosa, ndr)”, che punta a correre in 2h30′. Proprio questa sera il sacerdote sarà “ospitato” da don Pierpaolo Bazzichetto, parroco di San Pio X, per concelebrare la messa delle 18, nel quartiere che domani ospiterà la partenza.

Dopo la partenza alle 10 da via XXVIII Aprile, vicino alla chiesa di San Pio X, i maratoneti attraverseranno Santa Lucia di Piave, Susegana (con il suggestivo passaggio sul Ponte sul Piave a Ponte della Priula), Nervesa della Battaglia, Arcade, Povegliano e Villorba (attraversato per oltre 8 km). Poi il rush finale, con l’entrata, da Strada San Pelajo, nel comune di Treviso, fino a viale Burchiellati, dove, all’altezza di piazzale Burchiellati, è posto il traguardo.

 

IL PROGRAMMA DI DOMANI, DOMENICA 1° MARZO 2014

TREVISO

Domani sarà festa grande a Treviso, in attesa dell’arrivo della maratona. Oltre all’Expo Natura aperto fino alle 18.30, ci sarà la possibilità di correre e camminare. Alle 9.15 da Borgo Mazzini partirà la prima MoohRun, manifestazione ludico-motoria di 8,5 km ideata insieme a La Butto in Vacca Running Friends, un gruppo di amici trevigiani ormai famosi per le maglie e canotte bianche a macchie nere. Negli ultimi chilometri il serpentone muccato si immetterà sul percorso della Treviso Marathon 1.2.Una parte del ricavato delle iscrizioni della MoohRun sarà devoluto all’Advar di Treviso e Un Cuore per Tutti – Onlus di Marghera. 

Alle 9.30 da viale Burchiellati start della prima edizione della Maratona dei Cuccioli, camminata di 2,2 km, tutta a tema Cuccioli, i fortunati characters dei cartoni animati ideati dal Gruppo Alcuni in onda sui canali Rai e in 107 Paesi del mondo. Oltre alla maglietta dei Cuccioli, ci saranno anche le grandi mascotte dei Cuccioli che saluteranno i bambini sia alla partenza che all’arrivo della corsa. Nel giorno della Maratona dei Cuccioli, in zona partenza sarà presente, con uno stand, anche Radio Magica (www.radiomagica.org), la prima radio web italiana per bambini e ragazzi (Premio Andersen 2014).Grazie alla collaborazione con Volontarinsieme – CSV Treviso, il vincitore del bando “Ci siamo, partiamo” (progetto di integrazione attraverso lo sport) è l’associazione Condor S.A. di Treviso, che si occupa di promozione del calcio e della pallavolo e di inclusione sportiva di ragazzi stranieri (speciale menzione per l’associazione “Art4sport” di Bebe Vio).

 

CONEGLIANO

Domani mattina sarà fibrillazione a Conegliano. Nella Città del Cima ad animare la mattinata, prima della partenza ufficiale, ci saranno tamburini e sbandieratori dell’Associazione Dama Castellana che alle 9 si esibiranno per il pubblico presente e per i partecipanti alla gara. I maratoneti che arriveranno a Conegliano in treno saranno inoltre accolti in stazione da alcune dame e cavalieri dell’associazione che accompagneranno i podisti fino all’istituto Da Collo dove sarà organizzato il “quartier generale” (distribuzione pettorali gara, servizio di neurotape, ecc.). Fondamentale, per l’organizzazione logistica, anche la collaborazione con la scuola enologica Cerletti. Tutto il percorso brulicherà di spettacoli musicali e di danza, con una media di due “punti intrattenimento” per ogni comune interessato dal passaggio della manifestazione podistica.

Alle 9.35 da viale Spellanzon, ci sarà la partenza della carovana auto e moto d’epoca. Poi, alle 9.45, la parata delle Hugbike, le “biciclette degli abbracci”, che portano la firma della Cooperativa sociale “Opera della Marca”, soggetto nato dalla collaborazione tra Banca della Marca, Cooperativa Il Girasole e Fondazione Oltre il Labirinto Onlus (diretta da Mario Paganessi). A guidarle ci saranno gli XI di Marca, capitanati dal presidente Marco Varisco: Igor Cassina, ginnasta, oro olimpico alla sbarra ad Atene 2004 (a cui si aggiungono diverse medaglie mondiali e un elemento che dal 2002 porta il nome di “movimento Cassina”), Paolo Vazzoler, presidente di Treviso Basket, Silvia Marangoni, la pluricampionessa mondiale di pattinaggio artistico, specialità inline e Mara Dal Borgo, già campionessa italiana e poi vicecampionessa europea tra i master nel ciclocross, e attualmente campionessa mondiale di sliderking. In sella, per un tratto, ci sarà anche il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo.

Alle 9.50 è invece fissata la partenza dei protagonisti in handbike e carrozzina olimpica. Nella prima categoria (la novità più rilevante è l’inserimento nel calendario della federazione paraciclistica grazie alla collaborazione con l’Asd Anmil Sport Italia presieduta da Pierino Dainese) attesi Francesca Porcellato, 44enne plurimedagliata italiana, europea, mondiale e olimpica nello sci di fondo, nell’atletica leggera (carrozzina olimpica) e nel paraciclismo (handbike), Valeria Corazzin, vincitrice 2014, e il norvegese Oivind Sletten, assiduo frequentatore della Treviso Marathon dal 2007.

Nelle carrozzine olimpiche, ci saranno l’ironman spagnolo Rafael Botello Jimenez, vincitore dell’edizione 2014, il paralimpico francese Jean-Marc Ternullo e l’iberico Gustavo Molina Martinez.

Alle 10 esatte partirà poi la Treviso Marathon 1.2. La maratona trevigiana sarà valida anche come Campionato Italiano Us Acli di maratona e “ospiterà” “Una Gara nella Gara” organizzata da Volontarinsieme-CSV Treviso, speciale classifica che premia i volontari-podisti sommando il tempo della maratona con le ore di volontariato svolte nei mesi di gennaio e febbraio e di cui è testimonial la pattinatrice Silvia Marangoni.

Alle 10.15 partirà infine la Staffetta 3×14, non competitiva che permette di correre i 42,195 km della maratona, ma dividendoli per tre. Nello specifico il primo frazionista correrà 14 km, il secondo 14,195 e il terzo 14, con cambi in via Priula nelle vicinanze di una struttura coperta a Bidasio, in comune di Nervesa della Battaglia, 2 km dopo Ponte della Priula, e nei pressi della palestra della scuola elementare di Villorba, in via Centa.