121Giorni 17Ore 03Minuti 02Secondi

La Treviso Marathon 1.2 giovedì 5 marzo dalle 18 alle 19 su Raisport 1

Le grandi emozioni dell’edizione vinta da La Rosa in video, con la telecronaca di Luca Ginetto

Una festa per oltre 5.500 partecipanti e tanti, tanti spettatori lungo il percorso e a Treviso

Un’edizione dalle mille emozioni. Quelle che ha regalato Stefano La Rosa, vincitore, al suo debutto, della Treviso Marathon 1.2, ieri, domenica 1 marzo, in viale Burchiellati a Treviso, dopo aver percorso i canonici 42,195 km in 2h12’05”. Quelle che portano la firma di Laura Giordano che ha dimostrato, una volta di più, cosa sia la grinta, quella che l’ha portata per la terza volta in questa gara sul gradino più alto del podio, correndo in 2h39’29”. Ma emozioni sono state anche quelle di bambini e genitori nella Maratona dei Cuccioli, dei muccati nella prima MoohRun, degli XI di Marca di Marco Varisco e dei suoi campioni in sella alle Hugbike con tanti altri piccoli campioncini, degli atleti diversamente abili con le loro speciali abilità. Emozionanti anche la generosità dei volontari, la passione e l’impegno di organizzatori e staff, senza dimenticare il sostegno di partner ed istituzioni, presenti a Treviso con molti rappresentanti (non solo come pubblico ma anche come partecipanti alle varie corse). Un’edizione “benedetta”, nel vero senso della parola, dopo il suo arrivo al traguardo, da don Vincenzo Puccio, parroco di Santa Margherita di Messina, che correndo in 2h29’11” ha conquistato la quinta posizione assoluta.

Sarà possibile rivivere la Treviso Marathon 1.2 giovedì 5 marzo, dalle 18 alle 19 quando una sintesi della manifestazione organizzata da Maratona di Treviso sarà trasmetta in differita su Raisport 1, con la telecronaca del giornalista Luca Ginetto e il commento tecnico del consigliere del comitato organizzatore della Treviso Marathon, Aldo Zanetti.

Quella di ieri è stata davvero una festa per tutti, non solo a livello agonistico, ma anche a livello sociale. Oltre 5.500 al via, tra maratona, staffettisti, diversamente abili, atleti in sella alle Hugbike, MoohRun e Maratona dei Cuccioli. Ma tanti, davvero tanti gli spettatori che hanno applaudito tutti i partecipanti, a dimostrazione che la Treviso Marathon, come pubblico, si merita la palma di maratona numero 1. Di sicuro, in una simpatica classifica tra i comuni più calorosi, svetta in testa, per il secondo anno, Arcade che ha accolto i podisti tra due ali di folla, seguita da Conegliano che sulla Gradinata degli Alpini ha dato la carica a tutti, e da Povegliano, che si è infiammata grazie allo scatto vincente di La Rosa.

“Siamo veramente contenti di questa edizione speciale, la vittoria di due italiani, il debuttante azzurro La Rosa che ha scelto Treviso per mettere un nuovo punto, importante, nella sua prestigiosa carriera e la “nostra” Laura Giordano che non tradisce mai le attese – commenta il presidente del comitato organizzatore della Trevis Marathon, Lodovico Giustiniani – e poi gli staffettisti, gli stranieri, i diversamente abili, la MoohRun e la Maratona dei Cuccioli. Davvero è stata una maratona vissuta da tutti con gioia. E proprio questo era ed è il nostro obiettivo. Fare sì una maratona di alto livello tecnico, ma coinvolgere soprattutto coloro che con la corsa dei professionisti poco hanno a che fare”.