121Giorni 17Ore 05Minuti 53Secondi

Comunicato Stampa 17 gennaio 2014

Accento straniero per la Treviso Marathon 1.1 : iscritti da Usa, Canada e Russia

Parla straniero la Treviso Marathon 1.1 come la settantaduenne Viviane Frappier, podista e campionessa francese 2012 di categoria. Dagli Stati Uniti al Sud Africa, dalla Russia alla Finlandia, dal Canada all’Ungheria, dal Regno Unito al Belgio, dalla Francia alla Germania, dalla Polonia alla Repubblica Ceca, senza dimenticare tutti i paesi vicini, come Austria, Svizzera, Slovenia e Croazia. Sono 16, attualmente, gli Stati che saranno rappresentati, domenica 2 marzo 2014, nella maratona trevigiana. Importante dunque l’appeal dell’evento podistico che attraverserà 8 comuni della provincia, da Conegliano (per la prima volta sede di partenza) a Treviso. Un percorso innovativo, quello predisposto dal nuovo comitato organizzatore, presieduto da Lodovico Giustiniani, che sta riscuotendo successo anche oltre confine. 

 

DI CORSA IN MOSTRA E LUNGO ITINERARI CHE INTERSECANO LA TREVISO MARATHON 1.1

Un’altra delle novità 2014 sarà l’aspetto culturale, legato alla sede di partenza, Conegliano. 

Sabato 1° marzo sarà infatti inaugurata a Palazzo Sarcinelli la mostra “Un Cinquecento inquieto”, a cura di Civita Tre Venezie, in accordo con l’amministrazione comunale. Per tutti i partecipanti della Treviso Marathon 1.1 e per i loro familiari e amici è stato predisposto un coupon che prevede l’ingresso alla mostra con un biglietto ridotto speciale di 6 euro (a chi si presenta col coupon + un accompagnatore) e lo sconto del 15 % sugli acquisti al bookshop.

Al visitatore verrà proposta non solo la possibilità di assaporare i “tesori” dentro Palazzo Sarcinelli, ma anche di seguire un vero e proprio itinerario (a Conegliano e nel coneglianese) che punta a far riscoprire la storia e l’arte, ricreando il contesto storico del Cinquecento. Una “rotta”, con visite a castelli antichi, ville aristocratiche, palazzi ed edifici sacri (il Duomo di Conegliano, la chiesa parrocchiale di Susegana, l’Abbazia di S. Eustachio a Nervesa della Battaglia, ecc.), che si affianca anche alla prima parte della maratona di Treviso, evento che ha posto tra i suoi punti cardine il legame sempre più forte proprio al territorio, inteso nei suoi aspetti storici, culturali e turistici. 

 

IL PERCORSO DELLA TREVISO MARATHON SULLE TAVOLE DEL NORDEST CON IL LATTE SOLIGO

Dal 10 febbraio al 1° marzo saranno in distribuzione su tutto il territorio Veneto e Friulano i contenitori tetrapack dedicati alla Treviso Marathon grazie all’accordo di sponsorizzazione e co-marketing messo in campo dall’organizzazione dell’evento sportivo e da Latteria di Soligo, sempre attenta alle iniziative del territorio e in particolare sempre al fianco dei principali eventi che promuovono lo sport e lo stile di vita sano.

Ogni giorno, per quasi un mese, saranno messi sul mercato circa 40mila contenitori di latte fresco intero e parzialmente scremato che veicoleranno in maniera formidabile l’alleanza fra latte, alimento naturale e sano per eccellenza, e sport. I contenitori rosa e blu porteranno infatti la mappa del percorso della Treviso Marathon, le modalità di iscrizione e i canali web per avere tutte le informazioni.

 

MAGLIA TECNICA “MADE IN ITALY”: A FIRMARLA è H. ROBERT. 

Sarà H.Robert a firmare la maglia che i partecipanti della Treviso Marathon 1.1  troveranno nel pacco gara. Il capo tecnico (100 % poliestere) è rigorosamente “made in Italy”, sai per quanto riguarda i materiali che per la lavorazione. In colore giallo per l’uomo e in colore fucsia, sfiancata, per la donna. Per non rinunciare alla femminilità, nemmeno quando si fa sport. L’azienda, che vanta un’esperienza ventennale e una conoscenza tecnica che l’ha portata a sviluppare capi di qualità e comfort per la prestazione sportiva, ha sede a Camalò di Povegliano. La maglietta della Treviso Marathon 1.1 arriva dunque dal territorio ma ha respiro internazionale.